www.uninettunouniversity.net   seguici su facebook

Benvenuto su UNINETTUNO.tv la web tv della Universita' Telematica Internazionale UNINETTUNO
Uno strumento libero creato per diffondere cultura e democratizzare l'accesso al sapere
Autore19 video trovati
Pagine: 2
Autore: Paola Turci
Paola Turci cantautrice romana esegue alcuni brani del suo repertorio soffermandosi sulla loro genesi creativa e descrive la "pantomima" artistica di come nasce una canzone. Tra gli argomenti affrontati: i progetti artistici, l'impegno civile, i viaggi, le rivelazioni, i cambiamenti, gli incontri, il dolore, l'esperienza spirituale e la fede. I brani eseguiti sono: "Redemption Song" di Bob Marley, "Il gigante", "Volo così", "Ti amerò lo stesso", "Stato di calma apparente", "Bambini", di Paola Turci.
Autore: Giovanni Venosta
Esecuzione del brano musicale composto da Giovanni Venosta per la colonna sonora del film "Un'anima divisa" di Silvio Soldini. La sua musica una contaminazione di rock, jazz e musica etnica. Venosta continua parlando dell'evoluzione della composizione della musica da film negli anni settanta fino ai giorni nostri. In tutti i brani musicali eseguiti interviene il musicista Sandro Cerino, suonando il clarinetto basso.
Autore: Eugenio Finardi
Eugenio Finardi parla della canzone d'autore, delle origini delle sue influenze musicali, del linguaggio della musica in particolare del genere rock italiano, del lavoro sul testo di una canzone, delle qualità espressive e comunicative della musica.
Autore: Domenico Starnone
Domenico Starnone comincia leggendo e commentando una poesia di Neruda. Il suo discorso si radica su concetti legati al senso dell'ingiustizia, ai mali della condizione umana e alla diseguaglianza fra popoli e spiega come questi aspetti riescano ad influenzare la vita di ogni essere umano. Parla di Alessandro Manzoni e dei " I Promessi Sposi", l'argomento che ricorre nelle vicende di Renzo e Lucia è legato al tema della condizione umana come trionfo dell'ingiustizia.
Autore: Angelo Cricchi
In questa lezione il fotografo Angelo Cricchi si racconta attraverso il pensiero, le tecniche, lo studio ma soprattutto la passione che accompagnano ogni sua opera fotografica. La sua attività già arricchita dall'insegnamento si è accresciuta nel tempo con la direzione di cortometraggi, video d’arte, fashion films. Già Art director del Magazine "Mia le journal” è direttore del fashion Department presso l’Istituto Superiore di Fotografia e Comunicazione Integrata di Roma.
Autore: Nicolò Paoli
Conversazione con il giovane artista Nicolò Paoli, pittore e fotografo che ha scelto quale soggetto dei suoi lavori la mucca. Paoli racconta la preferenza data a questo animale riflessivo e stabile, simbolo giocoso di speranza come risposta ad un mondo preoccupante e l'evoluzione del suo trattamento nel lavoro dell'artista. In conclusione una riflessione sul valore della famiglia e la ricerca della semplicità come approccio alla vita
Autore: Fabio Sironi
In questo incontro Fabio Sironi parla della poesia di Fosco Maraini recitando alcuni versi della poesia il “Lonfo”. Scritta nel 1978 ed inserita nella raccolta “Gnosi delle fanfole”, si tratta di uno dei migliori esempi di poesia metasemantica composta cioè in una lingua inventata che prova ad essere evocativa solo sulla base dell’elemento uditivo.
Autore: Alessandro Cavalli
Il sociologo Antonio Cavalli parte dalla lettura di un brano di Walter Begnamin un grande intellettuale della prima metà del ventesimo secolo che aveva vissuto le due guerre mondiali. Una riflessione sulla memoria, sulla sua importanza come elemento fondamentale per costruire il futuro.
Autore: Silvia Vegetti Finzi
La Psicologa Silvia Vegetti Finzi nella prima parte di questo incontro recita una poesia di Giovanni Pascoli “I due orfani” giungendo ad esaminare il tema che in essa emerge, la solitudine. Un tema attuale che sempre più frequentemente fa capolino nella vita degli adolescenti. Ma come è possibile uscire da questo stato? Basterebbe imparare a comunicare, ascoltare, raccontare, a combattere questi stati d’animo condividendoli. Nella seconda parte presenta il suo libro “Quando i genitori si dividono. Le emozioni dei figli” dove l’autrice si domanda: cosa accade quando i genitori si separano? Grazie alle moltissime lettere ricevute da ragazzi e adulti che vivono o hanno vissuto le difficoltà di un divorzio e forte della sua esperienza clinica, mostra i molti modi in cui la rottura dei rapporti familiari segna, in bene e in male, il loro percorso esistenziale.
Autore: Rosellina Archinto
In questo incontro, Rosellina Archinto parla dell’importanza dell’amicizia partendo dalla lettura di una lettera che Henry James scrisse al suo amico rivale Robert Louis Stevenson.
Autore: Cristina Mondadori
Cristina Mondadori, inizia questo incontro recitando la poesia di Giacomo Leopardi “ A Silvia” parlando dell’importanza che questo nome ha avuto nella sua vita. In un secondo momento parla della fondazione del “Centro Benedetta D’Intino” nato nel 1994 in memoria della nipotina Benedetta, scomparsa prematuramente. Questo centro è diventato un punto di riferimento sia in Italia che all’estero con un’équipe di professionisti che dedica competenze e attenzione nell’accoglienza di bambini con grave disabilità comunicativa e con disagio psicologico
Autore: Roberto Albani
Roberto Albani legge alcuni passi del suo libro “Si fa come dico io” libro nel quale ha tentato di trovare il punto fondamentale che potrebbe impedire la crescita e la formazione di un figlio forte che sappia gestire le difficoltà, la sofferenza e le frustazioni. Evidenzia come a volte non porre limiti e sottostare ai ricatti che i figli mettono in atto attraverso atteggiamenti in molti casi provocatori non è la strada corretta da seguire nel percorso educativo. I figli attraverso atteggiamenti fuori le righe sembrano mostrare il desiderio di imporsi ma in realtà manifestano il bisogno che hanno di ricevere delle regole. Per questo è fondamentale trovare un equilibrio nel rapporto genitori figli. Il genitore deve dimostrare fermezza ed in questo modo dare sicurezza ad un figlio che in questo modo svilupperà comportamenti più responsabili. Allo stesso modo però i genitori devono anche capire quando i figli devono essere lasciati liberi di sbagliare. Perché se è giusto che i genitori imparino a dire "si fa come dico io" è altrettanto importante, man mano che i figli crescono, educarli all'autonomia
Pagine: 2
Copyright © 2011 Università Telematica Internazionale UNINETTUNO. Tutti i diritti riservati.